Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

La mitezza, la tenerezza e il potere

Immagine
Gesù, stavolta abbiamo mischiato qualche cosa.
Diversi punti del tuo vangelo di Marco per dirci una cosa soltanto.
Il tuo amore e la tua salvezza sono tenerezza e mitezza.
Nulla di violento e di minaccioso nel tuo amore: solo mitezza e dolcezza.
Perché tu sei accogliente e sei mite.




Mc 9,38-43.45.47-48

"Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi.
Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita co…

Il numero di Gesù e della sua Passione per noi

Shekkinah n. 13


Questo è il link dove potete trovare Shekkinah n 13 ... un numero cui tengo molto e che segna qualcosa nella mia vita.


se volete ...


ciao r

Una bambina ...

Immagine
... Gesù in mezzo a noi.



Giac 3,16-4,3
"Fratelli miei, dove c’è gelosia e spirito di contesa, c’è disordine e ogni sorta di cattive azioni. Invece la sapienza che viene dall’alto anzitutto è pura, poi pacifica, mite, arrendevole, piena di misericordia e di buoni frutti, imparziale e sincera. Per coloro che fanno opera di pace viene seminato nella pace un frutto di giustizia.Da dove vengono le guerre e le liti che sono in mezzo a voi? Non vengono forse dalle vostre passioni che fanno guerra nelle vostre membra? Siete pieni di desideri e non riuscite a possedere; uccidete, siete invidiosi e non riuscite a ottenere; combattete e fate guerra! Non avete perché non chiedete; chiedete e non ottenete perché chiedete male, per soddisfare cioè le vostre passioni".



Mc 9,30-37
"Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo …

«Ma voi, chi dite che io sia?»

Immagine
Ma tu, tu chi sei, Gesù?




Va bene, amore, ... va bene ... hai ragione ... non si risponde a una domanda con un'altra domanda.
Va bene, l'hai chiesto tu per primo e meriti una risposta.
Va tutto bene, Gesù mio.
Ma anche se ti rispondo che sei "il Cristo", il prescelto da Dio, sua figliolanza e suo Figlio e sua Parola, anche se ti rispondo questo poi mi resta la domanda.
Ma tu, Gesù mio, unico mio amore libero, tu, chi sei?
...
D'accordo, d'accordo ... ascoltiamo il Vangelo.





Mc 8,27-35
"Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soff…

I sospiri di D**...

Immagine
... e i tuoi sospiri, Gesù.




Due cose mi colpiscono in questo tuo vangelo.
La prima è che te  ne vai in disparte con quel povero sordomuto.
La seconda è il tuo sospiro.
E mi sembra più importante questo sospiro, Gesù mio, la testimonianza della fatica che stai facendo per liberare quel povero sordomuto da tutti i suoi mali. Per liberarci.




Mc 7,31-37

"Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. 
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. 
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i …